COSA FACCIAMO

COSA FACCIAMO

È in questa dimensione che si colloca la pratica del viaggio che, oltre a condividere storie che sarebbero inevitabilmente destinate all’oblio, permette di consolidare rapporti di collaborazione e solidarietà rispetto alle buone pratiche che crescono inaspettate in decine di realtà in resistenza. Qui e oltre Oceano.La Carovana è poi «veicolo» di istanze di madri e padri che cercano i famigliari dispersi nel territorio italiano dopo il loro arrivo in Italia e ai quali ancora non è stata data alcun tipo di risposta a riguardo.
Durante l’anno organizziamo seminari, attività di autoformazione ed eventi di politica di base per consolidare scambi e esperienze tra le comunità torinesi e le grandi campagne nazionali e internazionali che si occupano di migranti. Le cene di autofinanziamento, le donazioni degli amici e questa campagna di crowdfunding sono poi le uniche forme di finanziamento per garantire continuità al progetto e al viaggio di Carovane.

Approfondimenti

Il lavoro di CarovaneMigranti non è solo un viaggio. Crediamo nella necessità di fare ponti e di stare sempre attenti a ciò che succede in tutto il mondo.
In queste sezioni troverete articoli, aggiornamenti e materiali su tutte le realtà che noi tocchiamo e abbiamo toccato sia fisicamente, sia in lontananza. Vedrete, come noi, che alla fine i problemi sono gli stessi e le lotte sono molto simili a prescindere di quale lato dell’Atlantico ci troviamo.

sponsor

IN COSA CREDIAMO

Crediamo che la libertà di spostamento nel mondo costituisca un diritto inalienabile di ogni essere umano: scegliersi gli spazi della propria esistenza dovrebbe infatti essere alla base del principio di autodeterminazione di ogni individuo. Il fatto che spesso le migrazioni risultino dettate da necessità è evidente conseguenza di politiche globali inaccettabili e disumane poste in essere dagli Stati e dai poteri economici forti, politiche che si traducono nello sfruttamento di terre e vite per conseguire profitti.

COSA FACCIAMO

È in questa dimensione che si colloca la pratica del viaggio che, oltre a condividere storie che sarebbero inevitabilmente destinate all’oblio, permette di consolidare rapporti di collaborazione e solidarietà rispetto alle buone pratiche che crescono inaspettate in decine di realtà in resistenza. Qui e oltre Oceano.La Carovana è poi «veicolo» di istanze di madri e padri che cercano i famigliari dispersi nel territorio italiano dopo il loro arrivo in Italia e ai quali ancora non è stata data alcun tipo di risposta a riguardo.
Durante l’anno organizziamo seminari, attività di autoformazione ed eventi di politica di base per consolidare scambi e esperienze tra le comunità torinesi e le grandi campagne nazionali e internazionali che si occupano di migranti. Le cene di autofinanziamento, le donazioni degli amici e questa campagna di crowdfunding sono poi le uniche forme di finanziamento per garantire continuità al progetto e al viaggio di Carovane.